Notizie

Un Magnificat

Oggi, anniversario della mia prima professione, dal mio cuore sale il canto del “Magnificat” per tutto il bene che il Signore ha operato nella mia vita. Ho una profonda gratitudine per il dono della mia famiglia, della Fraternità, per le sorelle e tanti volti di vicini e amici che mi hanno accompagnato nel cammino. La mia vocazione è nata da un incontro con il Signore: “Dio è Amore” (1Gv 4,8), Dio mi ama, “Ecco sto alla porta e busso” (Ap 3,20). In questa esperienza d’amore la mia vita è stata trasformata. La Parola “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” ascoltata e accolta nel mio cuore mi ha messo in ricerca. Stare con il Signore… ma dove? 

Portavo nel cuore il desiderio di vivere una vita contemplativa nel quotidiano. Ho conosciuto la Fraternità partecipando ad un incontro di preghiera. Una ragazza ha condiviso il suo viaggio a Roma e l’incontro con le piccole sorelle di Charles de Foucauld.

Leggendo sentivo che corrispondeva al mio cercare “gridare il vangelo con la vita” nel quotidiano. La parola “Seguimi!” con le sue gioie e le sue fatiche è il filo rosso della mia vita. Abitata da una gioia profonda, “gioia che nessuno vi può togliere”(Gv 16,22) con una libertà che solo il Signore può donare continuo con gioia a cantare il “Magnificat” e a “gustare e vedere quanto è buono il Signore”(Sal 33).

Ps Luigina-Maria