Notizie

Un logo per il capitolo

Colori, forme, disegni possono offrirci la possibilità di raggiungere profondità a cui le parole non sempre hanno accesso…le immagini hanno anche il privilegio di comunicare senza bisogno di essere “tradotte”. Ecco alcune delle ragioni per cui ci è stato offerto un “logo” che ci aiutasse a vivere il nostro cammino verso il prossimo capitolo. Le sorelle che lo hanno creato ci hanno offerto alcune chiavi di lettura, ma queste rimangono semplici strumenti. Un tesoro unico, personale e segreto è offerto ad occhi che si soffermino ad ascoltare…

Tutto avviene intorno al pozzo rappresentato dal bordo marrone.

Puoi immaginare di essere dentro al pozzo e vedere ciò che accade fuori o di essere fuori e sporgerti per vedere ciò che c’è dentro.

Il blu rappresenta la sorgente da cui attingere l’acqua che ci disseta e, senza la quale, ci è impossibile vivere. Eppure, come scoprirà la Samaritana, quest’acqua significa una presenza che ci supera e ci avvolge, è Dio stesso, al contempo Uno e Trinità.

La strada è l’infinito cammino da percorre fra l’essere presenti a Dio e l’essere presenti a noi stessi e agli altri. Il villaggio simboleggia la vita quotidiana, le relazioni, i nostri luoghi di missione, le terre in cui siamo chiamate a dare testimonianza di ciò che ci fa vivere. Testimonianza che diventa credibile solo se lasciamo alla sorgente divina, -espressa dal tratto blu che attraversa la strada-, di fluire dentro e attraverso di noi.

La Samaritana è raffigurata in marrone: il colore della terra, della nostra umanità. Viene rappresentata in due momenti diversi della storia. Durante l’incontro con Gesù, attenta, in ascolto, con una mano ancora occupata dalla brocca, ma con l’altra già sul cuore. La sua brocca è grande, come la sete che l’ha portata al pozzo, una brocca desiderosa di essere riempita. Tuttavia, si rivelerà troppo piccola, incapace di contenere tutta la verità ricevuta dall’ incontro con Gesù. Poi la rivediamo mentre si rimette in cammino verso il mondo, senza la sua brocca -ormai inutile- con i capelli al vento, libera.